La famiglia sulla pelle

Dal simbolo di trasgressione che erano nel XVIII secolo, oggi i tatuaggi con i nomi dei familiari sono diventati “scritte nostalgiche”, punti fermi in un mondo volatile. E, perché no, rivendicazioni di possesso. Un articolo di Martina Läubli per il Neue Zürcher Zeitung.