Cavallette da aperitivo

Portare gli insetti nei piatti, ecco la scommessa di Jimini’s. E per riuscirci, la start up ha già raccolto 1 milione di euro. L’obiettivo è quello di sviluppare una bistecca a base di proteine d’insetti e proseguire nella strada dell’internazionalizzazione. Un articolo di Yves Vilagines per Les Echos.

Lezioni di felicità. E tasse.

Scacchi ed equitazione già ci sono; c’è perfino il corso di “felicità”. Ora nelle scuole si vorrebbero proporre lezioni di “alimentazione”. Qual è il senso di queste nuove materie? Se lo chiede Lisa Becker nel Frankfurter Allgemeine Zeitung.

I fichi che vi fanno comprare vestiti

Fichi per i negozi di vestiti, menta per le palestre, vaniglia per cliniche e ospizi: i profumi scelti dalle attività commerciali non sono casuali, ma puntano ad aumentare il tempo di permanenza (e le vendite) del cliente. Un articolo di Melissa Singer per The Age.

Un anno di foto

Il 2016 sta per concludersi: cosa è successo quest’anno? Una raccolta fotografica speciale, con le immagini che hanno fatto la storia del mondo, tratte dal New York Times.

Vivere in 2 metri quadri

“AAA affittuario cercasi. Appartamento-capsula, 2 metri quadri, centro di Hong Kong, WiFi gratuito. 335 euro al mese. Niente finestre. Astenersi claustrofobici.” Un articolo di Florence de Changy per Le Monde.

Il Paese invisibile

Provate a prendere un mappamondo e a chiedere a chiunque di indicarvi l’Indonesia: gesti vaghi, scrollate di spalle, sbalordimento. L’Indonesia, dice Elizabeth Pisani sul Guardian, è un Paese invisibile.

Mind the map

La mind map, o mappa cognitiva, è un intenso lavoro di riflessione e approfondimento: si inserisce il tema principale al centro della mappa e ci si serve dei suoi rami per mettere in luce tutto quanto sia collegato ad esso. Uno strumento prezioso, insomma, che secondo Amandine Seguin e Le Figaro è l’ideale per gestire la propria carriera lavorativa.

Da penitenziario a fattoria di marijuana

Un carcere dismesso è uno spreco: richiede alti costi di gestione, attira i vagabondi e ricorda agli abitanti della regione i posti di lavoro andati in fumo. Perché non affittarlo e renderlo nuovamente produttivo? Magari coltivandoci marijuana… Un articolo di Jen Fifield per The Guardian.

Il lato oscuro dell’oro verde

Impossibile da cucinare, brutto a vedersi, e grassissimo: tutto sembra deporre a sfavore dell’avocado. Eppure gode di una popolarità in crescita. Anne Waak per il Tagesanzeiger ci racconta il lato oscuro di questo frutto trendy, vegano, ma decisamente problematico.

Sport e stipendio, accoppiata vincente

Pierre Rondeau, dell’Università di Parigi, racconta su La Tribune come praticare uno sport o suonare uno strumento musicale garantisca un maggiore stipendio sul mercato del lavoro. Provare per credere!

EDM, miniera di milioni

Emarginata fin dagli esordi, la musica elettronica si è ormai imposta in Francia grazie a nomi importanti come David Guetta e Daft Punk. Nel 2015, questo genere musicale ha prodotto 416 milioni di euro, il 17% dei proventi globali della musica contemporanea. Ce ne parla Anaïs Cherif per La Tribune.

Telelavori, gioie e dolori

Lavorare dove e quando si vuole – sembrerebbe allettante. Sono molte le aziende che permettono il telelavoro, altre invece se ne tengono ben alla larga. Cosa significa davvero lavorare da casa? Ce ne parla Christine Schultze per lo Spiegel.