AAA castellano-imbianchino cercasi

Italia: castellani cercasi

L’Italia regala 103 castelli e borghi. Gli interessati devono avere meno di 40 anni e amare le ristrutturazioni. Ed ecco già un inghippo…

Mare! Sole! Vino! E intonaci sbriciolati!

Goethe amava la «terra dove fioriscono i limoni» e «un vento lieve spira dal cielo azzurro».

Anche voi andate in brodo di giuggiole quando pensate ai paesi e ai borghi italiani? Allora abbiamo qualcosa che fa al caso vostro: il Ministero italiano delle Infrastrutture e dei Trasporti cerca, assieme all’Agenzia del Demanio, castellani e castellane per 103 immobili. In un documento che illustra il progetto si legge che «possono essere concessi in uso gratuito case cantoniere, caselli e stazioni ferroviarie o marittime, fortificazioni e fari, nonché ulteriori immobili di appartenenza pubblica non utilizzati o non utilizzabili a scopi istituzionali, a imprese, cooperative e associazioni, costituite in prevalenza da soggetti fino a quaranta anni».

La parola chiave ovviamente è “gratuito”. Ma attenzione: va inteso principalmente come incentivo a investire lavoro e denaro. Perché si tratta pur sempre di “immobili non utilizzati o non utilizzabili”, vale a dire rovine.

Da qui anche la soglia di età di 40 anni. Le autorità italiane non ritengono che chi abbia più di 40 anni voglia o possa reggere una sgobbata simile. Perché una volta riparati tetto e finestre, occorre mettere in conto notti movimentate. Chi vorrebbe tornare al tanto caro ufficio tedesco una volta finiti i lavori farebbe meglio a leggere di nuovo l’offerta.

Ecco cosa suggeriscono gli italiani per la nuova destinazione degli immobili:

  • Ospitalità (alberghiera, extralberghiera, all’aria aperta – camping)
  • Ristorazione (es. trattorie, ristoranti km 0, presidi slow food, bar, osteria, enoteca, etc.)
  • Vendita prodotti tipici e a km zero, enogastronomia e artigianato locale (es. produzioni a km 0, botteghe artigianali)
  • Vendita materiale specializzato per ciclisti e camminatori
  • Servizi complementari specialistici (es. aree attrezzate, bike e taxi service, piccole ciclostazioni, ciclofficine, cargo food)
  • Ufficio promozione locale, ufficio turistico, info point, presidio territoriale
  • Attività e manifestazioni sociali, ricreative, culturali, creative
  • Servizi complementari specialistici per utenti con specifiche necessità (es. bambini, anziani, disabili, etc.) e servizi alla persona
  • Spazi per la formazione dedicata ai temi del turismo lento e alle professionalità di settore
  • Presidio e ambulatorio medico, primo soccorso, fisioterapia
  • Centro benessere, SPA

Insomma, con il vostro nuovo alloggio avrete contemporaneamente un lavoro a tempo pieno come oste o locandiere. E qui si cela purtroppo il secondo inghippo di tutta la faccenda: dovete avviare la vostra attività da soli, cercando di sbarcare il lunario. Ma, ehi, non dovrete pagare l’affitto. E se avete il pollice verde, potreste anche sopravvivere egregiamente. Posto per l’orto ce n’è in abbondanza.

Chi si vuole mettere all’opera con le ristrutturazioni, verrà «selezionato mediante procedure ad evidenza pubblica», dice il Ministero. Vale a dire che occorre avere in serbo un piano d’affari ben congegnato e che questo verrà valutato in termini di «sostenibilità ambientale, efficienza energetica e valutazione dell’opportunità turistica».

Altra cosa importante: come castellano, signore di un faro o gestore di una stazione sarete compresi nella rete Cammini e Percorsi. Tutti i 103 immobili infatti sorgono su «cammini storici» o si trovano in prossimità di piste ciclabili – attualmente conciati peggio degli immobili.

«Il termine di durata della concessione non può essere superiore a nove anni, rinnovabili per altri nove in funzione delle spese di investimento sostenute dal concessionario».

Questa frase si può interpretare secondo il principio del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto: un lavoro per 18 anni? WOW, che fortuna inaspettata! Oppure: oh cielo, tra 18 anni non avrò né un lavoro né una casa.


«Schlossherren und Burgfrauen in Italien gesucht», Der Spiegel, 24 maggio 2017

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...