Kim Jong se n’è andato e non ritorna più

Kim Jong-un è sparito. È malato? Morto? O si è solo allontanato un attimo?

Dove diavolo è finito il Grande Leader della Corea del Nord? E perché non si fa vedere in pubblico da più di un mese? Anche oggi (venerdì 10 ottobre, n.d.t.) Kim Jong-un è stato il grande assente a un evento importante. Ecco i possibili scenari di quello che sta succedendo.
Di Laura Klompenhouwer

Dopo settimane di assenza, tutti gli occhi erano puntati sulla festa per l’anniversario del Partito dei Lavoratori, la fazione dominante del Paese. Kim riprenderà finalmente ad apparire in pubblico? I media di Stato locali hanno annunciato i presenti, sciorinando i nomi delle principali figure del mondo politico e militare, ma Kim non è stato menzionato. A suo nome è stato tuttavia deposto un mazzo di fiori ai piedi delle statue del padre e del nonno, suoi defunti predecessori.

L’ultima volta in cui Kim è stato visto in pubblico risale al 3 settembre, a un concerto. Zoppicava un po’ con la gamba destra ed era parecchio ingrassato. Non a caso, secondo le prime voci, che coincidono con l’unica dichiarazione ufficiale dello Stato, Kim è malato.

1. Malato
La giustificazione ufficiale della sua assenza è stata diffusa solo alcune settimane dopo la sua ultima apparizione: Kim «non sta bene». Ma quale sia il problema del corpulento leader, non è dato sapersi. Kim ha soltanto 30 o 31 anni (pure la sua età precisa è sconosciuta), ma non avrebbe seguito uno stile di vita sano. Pare che sia diventato dipendente da Emmental, fumo, alcool e cibo in generale.

Secondo alcuni esperti soffre di gotta. Altri parlano di diabete. O di ipertensione. Altri ancora sostengono che si sia infortunato facendo sport. Secondo alcune ipotesi la sua assenza avrebbe addirittura a che fare con un’allergia al formaggio. Kim si starebbe curando in una delle ville di famiglia, ma le voci sulla sua salute traballante sono state smentite di nuovo lo scorso fine settimana dal segretario del Partito dei Lavoratori.

2. Destituito
Sin dall’insediamento di Kim Jong-un sono circolate voci su una lotta di potere all’interno dell’elite governativa. Non si sa ancora con certezza chi regga le fila in assenza di Kim, ma stando a notizie non confermate sarebbe la sua sorella minore, Kim Yo-jong. Quando a inizio anno è apparsa dal nulla, è stata descritta dalle autorità nordcoreane come «un alto funzionario del comitato centrale del partito», secondo quanto scritto la scorsa settimana dal responsabile esteri Floris van Straaten:

Gli osservatori della Corea del Nord non hanno escluso che sia diventata un’importante fonte di consiglio per Kim.

Le congetture su un possibile golpe hanno preso effettivamente piede all’arrivo di una delegazione nordcoreana in Corea del Sud per la cerimonia di chiusura dei Giochi Asiatici. Uno dei tre delegati era Hwang Pyong-so, che secondo il Guardian può essere considerato un grande rivale politico di Kim:

Hwang è un membro del Dipartimento di Guida e Organizzazione, che in Corea del Nord esercita un potere immenso, e che secondo alcuni osservatori rappresenta una fonte di autorità ostile al giovane leader Kim Jong-un.

Secondo altre voci ancora, circolate soprattutto sui social media cinesi, ci sarebbe stato un colpo di stato, organizzato da Jo Myong-rok. Tuttavia questo generale, un tempo molto potente, sarebbe morto anni fa.

Dai rigidi comunicati redatti dal regime non traspare alcun segnale di un passaggio di potere o di un golpe. Al contrario, Kim Jong-un sarebbe ancora il leader indiscusso della Corea del Nord.

3. Morto
Alla fine dello scorso anno Kim fece giustiziare il suo zio e mentore Jang Song-thaek. Non si capì se con questo gesto Kim Jong-un volesse provare a rafforzare la sua posizione, o se l’esecuzione fosse stata imposta su pressione dell’esercito.

Jang ha costituito per lungo tempo una delle figure più potenti della Corea del Nord, fino a quando. durante un’assemblea di partito, fu privato di ogni carica. Tra i capi d’accusa figuravano la dipendenza da droga, sesso e scommesse, nonché l’abuso di potere. La caduta di Jang è stata la prima epurazione di rilievo nell’elite governativa nordcoreana dall’insediamento di Kim, avvenuto nel 2011.

In realtà nessuno dubita che Kim sia ancora in vita. Il regime e l’elite governativa sono troppo legati alla sua famiglia, scrive l’esperto di Corea del Nord Gordon G. Chang su The Daily Beast:

La legittimità del regime dipende dalla famiglia di Kim – una delle ragioni per cui si specula così tanto sul ruolo della sorella minore, Kim Yo-jong, nell’esecutivo. Quindi è probabile che lui, un uomo in un regime dominato dagli uomini, rimanga la facciata pubblica dell’elite governativa.

4. Assente
È la teoria meno avvincente, ma forse Kim Jong-un si è solo assentato un attimo. Non sarebbe la prima volta che un leader di una repubblica popolare si allontani per un po’. Le voci sulla sua salute precaria o sulla sua posizione di potere sarebbero soltanto propaganda, malignità diffuse dai nemici della Corea del Nord.

«Queste sparizioni fittizie sarebbero inutili in una democrazia, ma nella totalitaria Corea del Nord Kim è lo Stato» ha scritto qualche giorno fa Lee Sung-yoon, esperto di Corea del Nord, sul New York Times:

«È libero di andare e stare dove più gli piace».

____________________________

Laura Klompenhouwer, «Kim Jong-un is verdwenen. Is-ie ziek? Dood? Of gewoon even weg?», NRC Handelsblad, 10 ottobre 2014

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Fabiana Marzucco ha detto:

    Io avevo letto sull’Huffington post che a causa dell’obesità è caduto dai “tacchi”. Il simpatico cicciobombo a quanto pare indossa le stesse scarpe, dotate di rialzo interno, del nostro Silvio; solo che cadendo, visto il dolce peso, si è slogato le caviglie di entrambe le gambe. Per questo motivo non si presenta in pubblico da m’bel po’. 😀

    "Mi piace"

    1. francescopanzeri ha detto:

      Che la zoppia fosse dovuta a quella caduta? Allora si sta semplicemente nascondendo per la vergogna…

      "Mi piace"

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...